Quanti tipi di sushi esistono e come riconoscerli

Quanti tipi di sushi esistono e come riconoscerli

 

Spesso di parla di Sushi come se fosse una sola portata, un po’ come se fosse “la carbonara”, in realtà esistono vari tipi di specialità che vengono comunemente identificate con questo nome.

 

Vediamo insieme quali sono, le loro caratteristiche e come riconoscerli:

 

Sashimi: uno dei grandi classici della cucina giapponese e’ proprio questo, si tratta di fettine di pesce rigorosamente crudo che viene tagliato in fettine molto precise con uno spessore di circa 0.8 mm – 10 mm. Gli elementi fondamentali che rendono prelibati questi piatto sono principalmente due: la feschezza del pesce e la perfezione del taglio eseguito.

Il taglio del pesce per i giapponesi e’ parte integrande dell’arte culinaria, infatti i coltelli utilizzati per il sushi sono molto molto affilati e arrivano a costare migliaia di euro.

Il sapore di questa portata e’ molto particolare, ha un sapore molto deciso e non a tutti piace.

 

I principali tipi di Sashimi sono:

  • Calamaro
  • Capesante
  • Gamberetto
  • Polpo
  • Salmone
  • Seriola
  • Sgombro
  • Tonno

 

Chirashi: e’ un tipo portata particolare e diversa da tutti gli altri tipi di sushi per aspetto e dimensioni, in questo caso infatti il tutto non e’ diviso in singoli bocconi ma si tratta di un piatto al cui interno sulla base c’e’ del riso e sulla superficie vengono disposti vari tipi di pesce e verdure secondo un’antica tradizione proveniente da Edo il vecchio nome dell’odierna Tokio. Tra gli ingredienti principali vi sono: riso, semi di sesano, avocado, tonno e salmone crudi.

 

Nigiri: Un altro piatto simile al Sashimi e’ il Nigiri, la differenza sta nel fatto che il Nigiri e’ composto da una fettina di pesce che viene adagiata su una pallina di riso. Questa portata e’ molto semplice dal punto di vista dei componenti ed ha un sapore simile al Sashimi ma il sapore del pesce viene arrotondato dal riso rendendo adatto ad un pubblico più vasto.

Questa portata in alcuni ristoranti può essere servita anche con un’alga che tiene insieme il risco e il pesce.

Si tratta di una portata molto popolare in Giappone.

 

Onigiri: Si tratta di una portata molto particolare che sicuramente avrai visto in qualche cartone giapponese o in qualche vecchio gioco tipo Alex Kid della SEGA, si tratta di una polpetta schiacciata di forma triangolare con un pezzettino di alga sulla base. E’ composto da riso e al suo interno una fettina di pesce (spesso Salmone grigliato).

Il gusto e’ meno marcato e molto più delicato rispetto al Sashimi e al Nigiri.

Questo piatto era usato in tempi antichi come scorta di cibo da viaggio, infatti grazie alla sua particolare forma può essere comodamente trasportato per essere consumato in seguito.

 

Gunkan nigiri: (o Gunkan Sushi): Prende il nome dalla sua forma a barchetta, Gunkan significa barca in giapponese. E’ composto da una base di riso sul fondo arrotolato con l’alga oppure con del pesce crudo e nella parte superiore invece spesso vengono inserite uova di salmone o di pesce volante (le varianti sono numerose).

 

Hosomaki: Si tratta di rotolini di riso di piccole dimensioni avvolti con l’alga al cui interno e’ presente un solo ingrediente (pesce o verdure). Si tratta di una variante di sushì molto diffusa in Italia

 

Futomaki: Sono simili agli Hosomaki avvolti nell’alga all’esterno ma sono di dimensioni maggiori e gli ingredienti al suo interno sono diversi. Possono essere presenti al suo interno vari tipi di pesce contemporaneamente, cetriolo , carote wasabi e altre verdure. Si tratta di una portata dal sapore molto più delicato rispetto al Sashimi.

 

Uramaki: Si tratta di rotoli di riso in cui l’alga e’ interna rispetto al primo strato di riso, questa pietanza risulta con un sapore ancora meno marcato rispetto ai Futomaki. Grazie al suo sapore molto delicato e’ indicato per chi vuole assaggiare per la prima volta la cucina Giapponese ma ha paura dei sapori troppo diversi rispetto a quelli a cui e’ abituato.

Lo strato di riso esterno spesso e’ avvolto di semi di sesamo o altri semi vari o uova di pesce.

 

Continuate a leggere gli altri articoli per saperne di più sul sushi!!!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *